Navigatore: home -> Guida microcamere e microspie

 GUIDA ONLINE DEDICATA A MICROCAMERE E MICROSPIE 

  La prima guida on line su i vari tipi di microcamere e microspie puoi dare un occhiata, e richiedere un parere tecnico e sempre on line costruire la microcamere e occultarla in base alle tue esigenze.

18/12/2006 (Rev. 22/01/2007) - questa guida vi aiuterà ad orientarvi nel complesso mondo delle microspie.

Cosa valutare prima dell’acquisto:
  • devo solo ascoltare
  • devo ricevere immagini ed audio
  • a che distanza
  • autonomia.



  •   MICROSPIE WIRELESS

     Acquistare una comune microcamera audio video con trasmissione ad onda radio, all'occorrenza dotata anche di visione notturna:
     - i vantaggi: sono l'economia dell'oggetto, e le dimensioni ridotte;
     - gli svantaggi: la distanza di trasmissione a non piu' di 20 mt a volte rappresenta quello maggiore, e per la ricezione delle immagini bisogna collegare il ricevitore ad un monitor.
     In compenso, utilizando questa tecnica si ha la possibilità di collegare l'apparto ricevente ad un videoregistratore oppure ad un registratore digitale di dimensioni ridotte. L'autonomia della microcamera varia in base ai tempi di trasmissione, ma se occultata all'interno di apparecchiature elettriche collegate alla rete 220 V (sveglie, tv, lampade, ecc) l'autonomia diventa illimitata.

     Per quanto riguarda l'apparato ricevente, attualmente, ne vengono commercializzati due tipi:
  • quello classico da collegare alla tv o monitor o videoregistratore;
  • quello digitale che consente di ricevere filmati, immagini e audio direttamente su un computer. Con appositi software si possono gestire più microcamere, è anche possibile inviare i dati in rete e tramite Internet è possibile visionarli in qualunque parte del mondo vi troviate.


      MICROSPIE UMTS/GSM

     Le microspie con tecnologia GSM (solo audio) e UMTS (audio e video) funzionano entrambe come semplici cellulari. Con una semplice chiamata o videochiamata possiamo ascoltare e vedere ciò che avviene a distanze illimitate. E' possibile, per esempio, controllare la propria abitazione a Roma trovandosi a Milano.
     L'unico svantaggio è la copertura GSM/UMTS che deve essere attiva sia nel punto di trasmissione che in quello di ricezione.


      ALIMENTAZIONE

     Le microspie o microcamere hanno un'autonomia variabile, in base alle batterie utilizzate, ma difficilmente può superare trecento ore.
     La soluzione ottimale è l'occultamento all'interno di apparecchiture alimentate dalla rete a 220 Volt. Questa soluzione permette la massima discrezione e autonomia illimitata.
     Una particolare precauzione è l'uso di una batteria tampone. Ossia un accumulatore di energia tenuto costantemente sotto carica dalla rete a 220 Volt che, all'occorrenza, subentra all'interruzione di energia elettrica, garantendo il costante funzionamento dell'apparecchiatura.


      APPARATI ATTIVI

     I sistemi descritti in precedenza vengono definiti apparati passivi, in quanto: trasmettono e registrano continuamente dati, oppure entrano in funzione solamente quando attivati da comandi remoti. Il primo sistema richiede grandi supporti di memorizzazione con risultati dispendiosi, invece il secondo (attivazione da comando remoto) non garantisce l'entrata in funzione al momento opportuno, rendendone vano il posizionamento e l'occultamento.
     Per risolvere questa problematica e rendere gli apparati attivi è consigliato l'uso dei rilevatori di movimento che provvedono all'attivazione solo nei casi in cui è richiesto. Questi congegni, così chiamati perche posso essere regolati in funzione dell'area da controllare, si suddividono nelle seguenti categorie e combinazioni:
  • rilevatori acustici, si attivano quano viene rilevato un rumore che raggiungere la soglia impostata. Può essere utilizzato anche in ambienti aperti, ma è particolarmenete indicato per uso interno;
  • a fasci infrarossi, idonei ad ambienti esterni;
  • a rilevamento volumetrico o radar solo per ambienti chiusi;
  • a doppia tecnologia, fasci infrarosso e rilevatore volumetrico, per avere il massimo controllo di un'area chiusa e la certezza che entri in funzione quando è necessario.

  •  Rimane sottinteso che, pur avendo a disposizione un'apparecchiatura che opera autonomamente, viene lasciata l'opportunità di interagire tramite comando remoto, ovvero per mezzo di una semplice telefonata, per avere la certezza dell'integrità e del funzionamento del sistema.


      FINALITA'

     La finalità naturale di queste tecnologie è il supporto 'silenzioso', 'invisibile' ed 'immediato' ai tradizionali impianti di allarme, evitando il ricorso, alquanto tedioso ed importuno, al vicino di casa, all'amico o al parente che deve recarsi nei locali sorvegliati per appurare se il sistema d'allarme si è attivato erroneamente oppure richiede l'intervento delle Forze dell'Ordine.


     Sperando che questa guida possa risultare easustiva e di valido ausilio, Vi invitiamo a visitare la SEZIONE «FAIDATE» dove troverete una vasta gamma di tecnologie ed elementi da comporre fra loro per realizzare quanto più opportuno occorre a far fronte alle Vostre necessità.



    Per ulteriori dettagli o approfondimenti contattateci


        info@av-net.eu 

              +39 392 750 7757 


       




    Navigatore: home -> Guida microcamere e microspie